Canada orientale (Québec e Ontario)

Ho visitato il Canada nel settembre 2016 ed è stato uno dei viaggi più entusiasmanti di sempre. Ho amato praticamente tutto del Canada: il cibo, la storia, i paesaggi, la multi-etnicità, il bilinguismo… Ecco il mio itinerario.

4/9/16 – Dublino ⇒ Toronto ⇒ Québec
5/9/16 – Québec e l’Île d’Orléans
6/9/16 – Québec e Musée de la Civilization
7/9/16 – Québec ⇒ Montréal
8/9/16 – Montréal
9/9/16 – Montréal ⇒ Gananoque
10/9/16 – Thousand Islands Park ⇒ Ottawa
11/9/16 – Ottawa
12/9/16 – Ottawa ⇒ Algonquin Park
13/9/16 – Algonquin Park
14/9/16 – Huntsville ⇒ Toronto
15/9/16 – Niagara Falls
16/9/16 – Toronto
17/9/16 – Toronto ⇒ Dublino


Québec City

Il cuore profondo del Québec, da queste parti sembra quasi di essere in Francia, non solo perché si parla francese, ma anche per il cibo! Patisserie française, crêpe e galettes, baguette da leccarsi i baffi. Abbiamo provato anche la famosa poutine ma non ci è proprio piaciuta. 🙁

Québec City è una cittadina verde, pulita e tranquilla. Sembra un perfetto connubio tra la cultura americana e quella europea, ed è proprio per questo che la trovo così affascinante!
Lo sapevate che il centro storico di Québec è stato inserito tra i patrimoni dell’UNESCO?

Non sono una patita di musei ma non potevamo saltare il Musée de la Civilization in cui abbiamo approfondito un po’ le nostre conoscenze sui nativi americani, sulla storia della colonizzazione francese e inglese e le schermaglie con gli americani, fino ai giorni nostri.

Abbiamo anche fatto il giro dell’Île d’Orléans, appena fuori da Québec. Qui potrete trovare diverse fattorie che vendono i loro prodotti tipici, dallo sciroppo d’acero alle mele. Un giro davvero piacevole e paesaggi bucolici caratteristici della campagna canadese.

Montréal

Abbiamo avuto poco tempo da dedicare a Montréal, purtroppo, perché abbiamo beccato l’unico giorno di pioggia torrenziale mentre eravamo qui. Montréal è una città vera e propria, con tratti da metropoli americana, ma non troppo.

Il centro storico ci ha un po’ deluso, non c’è niente di entusiasmante, ma ci siamo resi conto troppo tardi che c’erano zone molto più interessanti da visitare appena fuori dal centro. Ad esempio Mont-Royal. Sarà per la prossima volta!

Gananoque e Thousand Island Park

Nel percorso tra Montréal e Gananoque invece dell’autostrada abbiamo percorso la Thousand Islands Parkway, un po’ più lenta ma molto suggestiva, che attraversa vari deliziosi paesini sul fiume San Lorenzo.

A Gananoque non c’è molto da vedere, ma è stata la nostra base per una crociera nel parco delle mille isole, il Thousand Island Park.

Ottawa

Non sapevo proprio cosa aspettarmi dalla città di Ottawa, capitale del Canada, ma relativamente piccola. Siamo arrivati durante il weekend perciò la città era abbastanza tranquilla e l’abbiamo esplorarla con calma a piedi.

Tra le varie cose da visitare una speciale menzione va al Canal Rideau, patrimonio dell’UNESCO, che d’inverno diventa la pista da pattinaggio sul ghiaccio più grande del mondo!

Abbiamo anche visitato il Canadian Museum of Nature, l’unico posto in cui sono riuscita a vedere un’alce.

Huntsville e Algonquin Park

Hunstville è stata la nostra base per esplorare l’Algonquin Provincial Park. Per usufruire delle piazzole di sosta nel parco è necessario pagare un biglietto giornaliero, ma il prezzo è accettabile e il parco molto ben organizzato, infatti ci hanno fornito una mappa con tutti i percorsi disponibili. Abbiamo scelto quelli più corti, così siamo riusciti a esplorare ben quattro itinerari. Un vero paradiso per gli amanti della natura.

Niagara Falls

Ammetto che ero molto prevenuta sulle cascate del Niagara. Mi aspettavo un posto eccessivamente turistico e di cattivo gusto, mentre invece si è rivelata una bella sorpresa. Certamente si tratta di un luogo che attira milioni di turisti, ma quel giorno non c’era una gran folla e il paese era ben tenuto, pulito e decorato di aiuole fiorite.

Siamo stati sotto le cascate (sconsigliato ai claustrofobici!) e abbiamo anche fatto un giro sulla barca che ti porta vicinissimo alle cascate: in pratica è come se ci avessero tirato infinite secchiate d’acqua addosso, ma è stata un’esperienza indimenticabile.

Toronto

Ultima tappa del nostro viaggio, Toronto ci ha accolto con un traffico infernale a cui non eravamo preparati dopo tanta natura incontaminata. Anche i mezzi di trasporto si sono rivelati decisamente insufficienti per accedere comodamente al centro città.

Purtroppo di Toronto non abbiamo visto tantissimo perché eravamo un po’ provati da quasi due settimane in giro, ma ci è sembrava una bella città da rivedere casomai ripassassimo di qua.


Come risorse principali per organizzare il viaggio ho utilizzato vari blog, tra cui quello di Mammacongelo, e le guide della Lonely Planet:

CanadaMontréal & Québec City (entrambe in inglese)

Se preferite la versione italiana, invece, date un’occhiata a:

Canada orientale e Canada occidentale

Buon viaggio! 🙂



Rispondi