Studiare in Francia

Dal momento che non ho mai seguito un corso di studi all’estero, ma mi sono trasferita una volta laureata, non ho esperienze personali dirette da raccontarvi. Tuttavia, quando studiavo ho fatto molte ricerche e mi sono informata su tutti i modi possibili per fare un’esperienza all’estero, fosse essa di studio, di lavoro o di volontariato. Io ho scelto l’ultima delle tre, perché mi permetteva di partire senza sostenere alcuna spesa. Eppure rimpiango di non avere partecipato al programma l’Erasmus!

Ovviamente se siete interessati all’Erasmus dovete informarvi presso la vostra università e consultare il bando, le sedi previste e seguire tutta la trafila burocratica per poter essere ammessi. Anche se non ho fatto l’Erasmus, mi è stato detto da più fonti attendibili (parenti e amici), che l’iter burocratico è davvero estenuante, al punto che bisogna essere davvero motivati per riuscire a partire. Con una nota polemica mi permetto di aggiungere che alle volte il personale universitario preposto a gestire lo scambio non è pienamente competente, e accade persino che le informazioni fornite da uno siano in totale contrapposizione con quelle date da un altro. Perciò se siete intenzionati a partire, sappiate che dovrete munirvi di molta pazienza e grande determinazione.

ESN e AEGEE sono due organizzazioni di studenti Erasmus presenti in molte università europee che aiutano gli studenti appena arrivati sul posto, organizzano eventi e favoriscono la socializzazione tra Erasmus e studenti autoctoni.

Per chi volesse studiare in Francia, senza ricorrere a programmi di studio temporanei, vi suggerisco innanzitutto di visitare questo sito:

http://www.campusfrance.org

Qui potete trovare tutte le informazioni necessarie per orientarvi nel mondo universitario francese. Non solo viene spiegato nel dettaglio il sistema scolastico francese, ma vi dà accesso a tutti i corsi disponibili al momento in tutte le università francesi. Qui c’è praticamente tutto ciò di cui avete bisogno per iniziare la vostra ricerca! 🙂

Per darvi un’idea di quanto siano basse le tasse universitarie in Francia rispetto a quelle italiane, vi suggerisco di dare un’occhiata a questa pagina (frais d’inscription à l’université française).

Per coloro che sono semplicemente interessati a migliorare il proprio francese e vogliono seguire un corso di lingua, sappiate che molti comuni organizzano dei corsi di francese a costi molto ragionevoli, come ad esempio quello che ho frequentato io a Versailles. In particolare vi consiglio di dare un’occhiata ai corsi serali per adulti (non solo di francese) organizzati dal comune di Parigi.

Se non siete domiciliati in Francia e volete soffermarvi solo per un breve periodo, qui potete trovare una lista di istituti specializzati nell’insegnamento del francese, come l’Alliance Française, che offrono corsi su misura a seconda delle vostre esigenze (one-to-one, full-immersion, businness French, corsi per ottenere i diplomi DELF o DALF…). Tuttavia i costi salgono parecchio rispetto ai corsi pubblici menzionati prima.

Per ultimo, ma non meno importante, vi segnalo il sito di Eurocultura, un’associazione vicentina che si occupa da anni di fornire informazioni su tutte le opportinità all’estero (studio, lavoro, stage, volontariato, concorsi…) tramite la sua newsletter gratuita, alla quale vi consiglio vivamente di iscrivervi!

E se non vi è bastato questo, date un’occhiata anche a Scambieuropei, un altro sito costantemente aggiornato che raccoglie tante opportunità di studio, volontariato e stage in Europa.

Se stai pensando di trasferirti a Parigi e vuoi saperne di più sulla vita parigina, ti consiglio anche la lettura del libro Parigi low cost, scritto da Elena Italiani di www.italianipocket.com.

Bonne chance à tous !