7 motivi per iscriversi a un trekking club in Irlanda

Pochi giorni dopo avere scritto dei miei Travel Dreams, mi è arrivata una e-mail dal mio vecchio trekking club irlandese che mi ricordava di rinnovare la mia iscrizione. Ormai non ci pensavo più, ma dopo avere ponderato l’idea per un po’ ho deciso di iscrivermi.

Quando sono tornata a vivere in Irlanda, nel 2015, avevo cercato un corso di trekking perché volevo visitarla in lungo e in largo. Avevo pensato che sarebbe stato bello visitare anche quegli angoli fuori dalle solite rotte tradizionali che avevo già visitato in passato. Così dopo aver vagliato vari club e tour, sono approdata su Hilltop Treks, che offriva sia un corso base, sia un hill walking club*.

*Nota: qui parlo di “trekking” perché è il termine più comunemente usato in italiano per questo tipo di attività escursionistiche, ma se cercate informazioni o tour in inglese vi suggerisco di usare termini come “hiking” o “hill walking”. Tecnicamente il trekking è più un’attività più “selvaggia” che richiede di camminare su percorsi non tracciati, mentre noi solitamente seguiamo i percorsi già esistenti e ben segnalati. ⇒ Qual è la differenza tra hiking e trekking?

Trovo che quella di iscrivermi sia stata un’ottima decisione e oggi vi parlo del perché consiglio anche a voi di iscrivervi a un trekking club se vi trasferite in Irlanda, e nello specifico a Dublino. 🙂


VANTAGGI

1. Trasporto

Purtroppo è difficile (spesso impossibile) raggiungere la maggior parte dei sentieri da trekking con i mezzi pubblici. Non avendo la macchina, qui a Dublino, sarei molto limitata nei miei spostamenti. Questo gruppo è l’ideale perché la nostra guida offre un passaggio ai membri del club, che è un bel vantaggio in termini di comodità e costi.

2. Inglese e Networking

Durante la nostre camminate ho avuto modo di conoscere le persone più disparate… diverse nazionalità, diversi background, diverse età. Se siete qui in Irlanda per imparare l’inglese, questo è un bel modo di fare pratica. Invece, se siete qui e state cercando lavoro, casa o altri agganci, può darsi che troviate quelle informazioni che vi servono facendo quattro chiacchiere su per la montagna.

3. Storia, geografia e cultura irlandese

Durante le passeggiate la nostra guida ci racconta la storia dei luoghi che visitiamo, spiega la geografia del luogo, ed è disponibile rispondere a tutte le eventuali domande. Inoltre, come menzionato al punto precedente, nel gruppo ci sono molti irlandesi e se volete saperne di più sulla cultura locale, le abitudini, le tradizioni e così via, questo è il luogo ideale per fare conoscenza con i locals.

4. Fitness

Camminare è un ottimo modo per tenersi in forma senza rinchiudersi in una palestra. Vi assicuro che non è lusinghiero trovarsi a 30 anni a boccheggiare e ansimare su per una salita, quando l’80enne irlandese vi sorpassa senza battere ciglio. 🙁 Fare esercizio fisico regolarmente è fondamentale e il trekking vi permette di farlo in mezzo alla natura e a paesaggi incantevoli.

5. Una guida esperta

Non c’è bisogno di preoccuparsi troppo di mappe, bussole e orienteering. Certo, avere queste conoscenze è sempre utile, perché non si sa mai, ma in linea di massima basta seguire il gruppo e godersi la camminata e i panorami. La nostra guida conosce questi posti a menadito e possiamo stare tranquilli.

6. Viaggiare

Eh sì, questo è un modo per viaggiare anche senza allontanarsi troppo da casa, almeno nel senso che intendo io. Viaggiare non vuol dire per forza prendere un aereo e raggiungere luoghi lontanissimi. Per me vuol dire anche esplorare i dintorni, saldare il legame con il paese che nel bene e nel male ci ha accolto, approfondire le nostre conoscenze. Viaggiare è imparare.

7. Fotografia

Manco a dirlo, se amate la fotografia, fare trekking è un modo per vedere ogni volta panorami nuovi e paesaggi incantevoli. Basta uscire di poco da Dublino e già la natura dà del suo meglio. Però non vi soffermate troppo, sennò restate indietro!

SVANTAGGI

Per completezza trovo sia giusto evidenziare anche qualche svantaggio, almeno per quel che mi riguarda, poi ognuno ha le sue preferenze e abitudini. 😉

Viaggiare con un gruppo può avere i suoi svantaggi, perché sei legato ai ritmi delle altre persone e c’è chi va troppo lento e chi troppo veloce. Oppure, come accennato sopra, se volessi portarmi la mia reflex per fare qualche foto mi ritroverei subito indietro perché solitamente non lasciano molto tempo per farsi i fatti propri. Giustamente, voi direte, alla fine siamo lì per camminare! (Però quello era proprio un bel posto per scattare una foto e qua probabilmente non ci tornerò più… Sigh)

La contropartita dell’avere un bel gruppo affiatato con cui parlare e stare in compagnia è, per l’appunto, che non c’è mai un momento di pace e completo silenzio. Ogni tanto mi piacerebbe fermarmi per un attimo e ascoltare il suono del silenzio e della natura, ma il continuo chiacchiericcio lo rende pressoché impossibile. Insomma, l’unica possibilità è quella di rimanere indietro e distanziare il gruppo, ma non ve lo consiglio proprio a meno che non sappiate perfettamente come cavarvela da soli!


E questo è tutto, finora non ho constatato altri lati negativi, quindi tirando le somme vantaggi vincono a mani basse. 🙂 Se volete leggere qualche articolo sulle mie precedenti esperienze con il trekking club in Irlanda date un’occhiata anche a questi articoli:

Alla scoperta delle Wicklow Mountains

1916 Rebellion Tour a Dublino

C’è qualcuno tra voi che ama fare trekking?

Lasciate un commento se vi va di condividere la vostra esperienza! ❤



Rispondi